Misuratori di portata elettromagnetici

Flussimetri e flussostati per tutti i liquidi conducibili in tutti i settori industriali

I misuratori di portata a principio elettromagnetico vengono utilizzati nell'industria da oltre sessant'anni. Questi flussimetri e flussostati possono essere utilizzati con tutti i liquidi conducibili, come acqua, acidi, alcali, fanghi e molti altri. Tra le applicazioni tipiche figurano monitoraggio di fluidi, riempimento, dosaggio e misure di precisione per uso fiscale. I due milioni di misuratori di portata elettromagnetici venduti da Endress+Hauser dal 1977 non richiedono manutenzione e possono essere integrati in maniera ottimale nei processi.

In campo industriale, i flussimetri e flussostati elettromagnetici vengono principalmente utilizzati nei settori della gestione delle acque, nell'industria di processo, nell'industria farmaceutica e alimentare. Nell'industria mineraria o applicazioni come la costruzione di tunnel spesso i robusti misuratori elettromagnetici rappresentano l'unica soluzione per misurare "fanghi" minerali abrasivi con solidi sospesi, miscele sabbia/acqua, materiali da riempimento o solidi sfusi con l'accuratezza richiesta.

Endress+Hauser è stata premiata con il Global Market Leadership Award per i misuratori di portata elettromagnetici ©Endress+Hauser

Frost & Sullivan consegna a Endress+Hauser il Global Market Leadership Award per misuratori di portata elettromagnetici.

Il principio elettromagnetico per la misura della portata

Proline 300/500 – I misuratori di portata del futuro

Una facile gestione dei misuratori di portata

Storia dei misuratori di portata elettromagnetici Endress+Hauser

Principio elettromagnetico per la misura della portata

Secondo la legge di Faraday, o legge dell'induzione elettromagnetica, un'asta metallica che si muove in un campo magnetico induce una tensione elettrica. Questo principio della dinamo si applica anche al funzionamento dei misuratori di portata elettromagnetici.

Quando le particelle elettricamente cariche di un fluido incontrano il campo magnetico artificiale generato da due bobine, viene indotta una tensione elettrica. Questa tensione, intercettata da due elettrodi di misura, è direttamente proporzionale alla velocità di deflusso e, quindi, alla portata volumetrica.

Il campo magnetico è generato da una corrente continua pulsata con polarità alternata, che assicura un punto di zero stabile e fa sì che la misura sia insensibile ai disturbi derivanti da liquidi multifasici o disomogenei, nonché alla bassa conducibilità.

Vantaggi

  • Il principio di misura è virtualmente indipendente da pressione, densità, temperatura e viscosità

  • È possibile misurare anche fluidi con solidi sospesi, come "fanghi" minerali o polpa di cellulosa

  • Ampia gamma di diametri nominali (DN 2 ... 2400; 1/12 ... 90")

  • Sezione del tubo senza ostruzioni o riduzioni: adatta pulizia CIP/SIP, scovoli

  • Nessuna parte in movimento, esente da manutenzione

Download